27 dicembre 2008

E’ L’OLIO IL RESPIRO DEL MOLISE

Il respiro dell’olio, che Luigi Caricato ha avuto modo di ascoltare nel suo viaggio tra gli olivi del Molise, e, raccontare in un libro pubblicato dalla giovane donna dell’olio, Mena Aloia, dell’omonimo frantoio in Colletorto, lo puoi ascoltare anche tu, se dal fiume Trigno, attraversando il Biferno, salti da una collina all’altra, di quelle che guardano le isole Tremiti e l’Adriatico, per arrivare al Fortore, il fiume, in comproprietà con la Puglia, che alimenta il suo lago artificiale, il più grande d’Europa.

Luigi Caricato, oleologo di professione, direttore di un importante settimanale on line “Teatro Naturale”e, per chi, come me, ha letto il suo bel romanzo, “l’olio della conversione”, scrittore bravissimo, riesce a confermare la sua bravura con questo libro fuori commercio, dal titolo, appunto, “il respiro dell’olio – viaggio tra gli olivi del Molise”.

Un volume che ho preso a “Piacere Molise - la 1a Fiera Regionale della Enogastronomia”, aperta, con un significativo successo, a Campobasso, a cavallo di ottobre e novembre u.s..
Pubblicato da Mena Aloia, una che, ancora ragazzina, ha ereditato dal padre la grande passione per l’olio, il primo a fare uscire dall’anonimato la preziosità di una terra da sempre vocata alla sua “Gentile o Peranzana”, per renderlo testimone di un territorio che ha, anche, altri valori da raccontare.

Non è cosa facile trovare in giro imprenditori, piccoli ed, anche, grandi, che riescono a capire il significato della cultura e la forza che essa ha, quando possiede gli elementi giusti (il respiro), di rendere grande un prodotto e il territorio che lo esprime.

Capire che, per avere, bisogna dare e che, quando un prodotto, l’olio, ti dà la possibilità di ripagare la tua passione e i tuoi sacrifici e porta il tuo nome in giro per il mondo, merita di essere ripagato con un regalo, bello solo come riesce ad esser un libro. Necessario perché possa alimentare il suo respiro e renderlo oggetto di attenzione di una personalità nel campo della comunicazione dell’olio, com’è Luigi Caricato, ma anche del consumatore che apprezza l’olio che “respira” cultura o storia per assaporarlo nella sua complessità e, così, sentire il bisogno di raccontarlo agli amici.

Anche perché l’olio, come il vino, è storia e cultura, paesaggio e ambiente, memoria, tradizione, in pratica tutto quello, come prima dicevo, che il territorio esprime.

Mena è, oggi, una giovane imprenditrice, lungimirante, che ha in sé il senso della gratitudine per un padre che ha voluto affidare a lei un compito non facile, ma, nel momento in cui è riuscita a credere ed a fare, entrando in sintonia con il frutto del suo lavoro, che è anche il frutto della sua terra, ha avuto modo di capire la sua identità, di riconoscersi e, così, riconoscere tutto quello che l’olio le dà.

Caricato racconta questo suo viaggio e lo rende affascinante al lettore che sa dell’olio e, ancor, più a chi dell’olio conosce poco. In questo senso la traduzione in inglese dà la possibilità di raggiungere lettori lontani dal Molise e dall’Italia facendo capire che Mena guarda al mondo quando pensa alla offerta del suo olio.

Caricato non si ferma ad ascoltare solo il respiro dell’olio molisano ma, quando incontra, lungo uno dei tanti tratturi che ancora segnano il Molise, un personaggio, Antonio Fratangelo, che riesce a raccontare le origini delle parole di una terra impressa dalla presenza del grande condottiero, Annibale, gli dà la possibilità di parlare al lettore.

Un contributo importante, come quello dei disegni molto belli di Angelo Ruta che, a mio modesto parere, merita ogni considerazione, perchè rende il libro ancora più prezioso e, come tale, ancora più convincente per chi vuole dall’olio una risposta al suo bisogno di benessere.
Ma, anche, per chi non sa dov’è il Molise, la piccola regione che la storia dell’olio riesce a raccontare con la antica fama dell’olio “liciniano”, lattuale “aurino” di Venafro, o dell’olio “Gentile” di Larino, culla delle Città dell’Olio.

Sono certo che sta qui, in questa storia che è tanta parte della storia dell’olio italiano, la ragione di un capitolo che porta il titolo “l’olio è lo specchio del passato che si riflette nel presente”, visto che, per questo minuto fazzoletto di terra che è il mio Molise, le cose stanno proprio così.
Grazie Mena, grazie Luigi.

p.di.lena@alice.it

26 dicembre 2008

BBÈLLE

Bbèlle
l'uocchie che z'èssemíjene u mare
na vocca cueralline
u nase che z'èrricce quande rire

Bbèlle
come a paróle che te è chiù care
a luce du matetine
i penziere che passene pu córe
a nnammerate che tè mire

Na farfalle
che vòle e ze póse
z'èccoppie e ze lasse

Na róse
che spónte da na fratte de ruve
e fa despiette u sòle

Nu cardille
nascuoscte ngòppe nu rame
che cante e squarciagòle

Nu peccione
che te (g)uàrde che n'uocchie sule
mpettanne u piette

Nu pelidre
che corre e scavecèie
pe nen ze fa chiappà

Nu file de ièrve
che ze chièghe e ogne viente
ma sule u sòle u pó seccà.



1985


Bella, quasi una sorpresa per il poeta che si trova di fronte questa ragazza che paragona prima ancora che alla bellezza della natura con i suoi animali più familiari, alla parola che è più significativa ed alla luce del mattino.

U MBRIACHE

Une che té a pèlle
ze recanosce da lendane
camine ca còcce ècceccuate
i vracce n'eccòne èllargate
i còsse mèzze scacchiate

A viie pe isse è sèmpe s’torte
sbattenne da na parte e n'ate

Te cride ca cade ma nen cade

Ogne tante aveze a còcce pe l' àrie
cóme pe recchiappà u’hiate

E' n’óme sule
che z’à fatte amiche u becchiere
pe levarse da còcce i penziere

Èppene t'encontre ze métte e parlà
prime zitte zitte, pù e vòce avete
facenne ènnanz'érréte
che nu trascurse che ze repéte.

1978


L’ubriaco che non si regge in piedi, barcolla e mai cade, un uomo solo che beve per scacciare i problemi e le preoccupazioni (i penziere) e la sua voglia di dialogare per scaricare questi penzieri, raccontandoad altri un ragionamento che diventa ossessivo proprio perché ripetitivo.

IIE VELÉSSE DEVENDA' SINECHE

Iie velésse devendà sineche
pe fà nu menemènte é u puorche
Scine é u puorche
l'anemale che sacrifeche a vita siie
pe fà campà i cres’tiane

U puorche ne canósce a vecchiaie
pecché campe scì e no n'anne
nen té u tiempe d'èttaccarse
u padròne
pecché da nu memènte e n'ate
quis’te u fa fóre
Nen spreche niente
pecché magne tutte e tutte rènne
sfamanne a fame

E' n'anemale sante
che sa sule dà

A nzogne, u larde,
a ventresche,
a nnòje,
a savecicce, u vreccuelare,
a spalle, u presutte, u salame
a sepresciate, i setele, a ventrecine
u sanguenacce, u magnarine

Té sfamave e mèntre té sfamave
te recreiave

Ieve u re da case
prime e dope c'avève campate
ècche pecché da ogne parte
ce velésse
nu menemènte
ca còde érreceleiate
a vócche póche póche raperte
cu musse avezate
cóme e cuande cu rurù, rurù
te velève dice
scine tu, tu, proprie tu.

1978


La voglia di diventare sindaco per rendere omaggio all’aanimale più generoso per eccellenza, il maiale, un tempo un vero re della casa, in molti luoghi rispettato tanto da girare libero per i paesi ed essere da tutti assistito e curato-
Un omaggio dovuto a chi dava tutto se stesso nel corso di un anno di vita che se con il suo “rù rù”, voleva dire al padrone “si, proprio tu, a pugnalarmi e ad ammazzarmi”.

25 dicembre 2008

U PAESE MIIE

U paese miie
è dénd'è nu fuosse
ngòppe nu punie de tèrre
tande da sembrà nu bas’temènte
Èttuórne u Monte, u Mentaròne e Mont'Arcane
tenute rapierte da u Vallòne da Tèrre
che z’éncontre cu Befèrne
Tutt'a nature è chiène de dolcezze
cóme u sanghe di ggènte
che té origene èssaie lendane
cóme u vérde di uelive
che (g)uardene i Triemete, u mare.

U larenese senza uelive
è nu cres’tiane tris’te
chiine de recuorde e de nes’talgie.

U paèse miie
da 'ngòppe u ponte e capabàlle
da i Caselle a Seleciate,
d’a bbeverature e sotte u carcere,
via Cluenzie, a Chiazze, via Leione
dove u suonne nen té penziere
u cellucce nen cante pe isse
ma pe farse sentì;
ogne piatte z'èccónce che l'uòie de uelive
e ce s’tà èncòre u ciucce che raje.

Dove ogni ruoie té nu 'hiate devèrse
cóme u penziere di ggènte.

Recchezze antiche nascoscte
avete che nen so sfrettate
o so repos’te.

U Paèse miie
dove u calle e u fridde
so frutte de staggiòne
cóme a vòrie e u faunie,
sémbre nu uaiò dend'a culle,
nazzecheiate da uelive e cagge,
cèrcuele, ficuere e cacche ulme.



Il poeta descrive il suo paese collocato su un pugno di terra all’interno di un contesto paesaggistico – ambientale di straordinaria dolcezza che paragona all’indole delle persone che hanno radici lontane e poi agli olivi che guardano le isole Tremiti ed il mare.
Il larinese, afferma il poeta, è una persona triste senza gli olivi che, per questa ragione, vorrebbe trovare ovunque lui va.
Poi descrive i vari angoli di questo paese per dire che quì il sonno è tranquillo, gli uccelli cantano per farsi sentire e dove ancora i piatti di una buona cucina vedono l’olio determinante per affermare la bontà.
Le strette viuzze hanno respiri diversi come diversi sono i pensieri dei suoi abitanti. C’è uno ricco patrimonio archeologico che non viene sfruttato e fatto conoscere
Paragona a questo suo paese, larino, ad un bambino che viene cullato dagli alberi che lo circondano nella ripetitività delle stagioni e nell’alternanza dei venti.

22 dicembre 2008


AMICI PER SEMPRE di Zacc e Bélina


Zacc - Ha detto a Don Gelmini che
“le intercettazioni vanno consentite
solo per indagini su reati più gravi”
Bélina - lo voleva rassicurare

20 dicembre 2008

IL CERVELLO di Zacc e Bélina





Zacc – la Levi Montalcini ha detto “non si possono mettere lucchetti al cervello”
Bélina – sicuramente non pensava a Gasparri.

17 dicembre 2008

CANE...!!! di Zacc e Bélina




Zacc - Dopo tutte le bombe
che ha fatto buttare
e le decine di migliaia
di morti ammazzati...


Bélina - ...il mondo è preoccupato
per una scarpa lanciata male